Four fish. Il futuro dell'ultimo cibo selvatico PDF

Associazionelabirinto.it Four fish. Il futuro dell'ultimo cibo selvatico Image

INFORMAZIONE

ISBN
9788884992864
DATA
2012
AUTORE
Paul Greenberg
DESCRIZIONE
Paul Greenberg, scrittore e da sempre appassionato pescatore, ci accompagna in un viaggio culinario alla ricerca dei quattro pesci che dominano i nostri menù - salmone, branzino, merluzzo e tonno - e svela il nostro rapporto compromesso col mare e la sua fauna. Solo tre decenni fa, quasi tutto il pesce che mangiavamo era selvatico. Oggi la sovrapesca dilagante e una rivoluzione biotecnologica senza precedenti ci hanno portati a un punto in cui il pesce selvatico e quello di allevamento occupano parti uguali di un mercato complesso. Alla fine abbiamo compreso che il nostro cibo è migliore se prodotto su piccola scala, in armonia con i ritmi della natura. "Four Fish" di Paul Greenberg analizza questo assunto dal punto di vista dell'oceano, in modo appassionato e brillante. I pesci di cui ci cibiamo meritano lo stesso tipo di rispetto e di coscienza politica dei prodotti della terra.

Four fish. Il futuro dell'ultimo cibo selvatico (Italien ...

Four fish. Il futuro dell'ultimo cibo selvatico Greenberg Paul edizioni Slow Food collana Narrazioni-Slow Food , 2012 Paul Greenberg, scrittore e da sempre appassionato pescatore, ci accompagna in un viaggio culinario alla ricerca dei quattro pesci che dominano i nostri menù - salmone, branzino, merluzzo e tonno - e svela il nostro rapporto compromesso col mare e la sua fauna.

SCARICARE LEGGI ONLINE

Leggi il libro di Four fish. Il futuro dell'ultimo cibo selvatico direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Four fish. Il futuro dell'ultimo cibo selvatico in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su associazionelabirinto.it.

Four fish. Il futuro dell'ultimo cibo selvatico - Paul ...

C'è chi i vermi dalla farina li toglie, e chi li raccoglie per cuocerli in padella con tanto di soffritto. Queste creature striscianti, insieme a locuste, grilli, formiche e ragni, sono raccomandati dalla Fao come alternativa sostenibile alla carne: altamente proteici e a basso contenuto di grassi, godono infatti di un vantaggio rispetto ai tradizionali animali da allevamento.

LIBRI CORRELATI